L’Andalusia l’anno scorso mi ha rapito il cuore e quello che ho pensato è stato “impossibile trovare un posto altrettanto coinvolgente ed affascinante”. Per questo, quando ho organizzato il viaggio in Portogallo, ho voluto farlo senza eccessivi coinvolgimenti o aspettative…temevo infatti di disattenderle. Il Portogallo invece, con il suo “slow living”, decadenza mista a malinconia, paesaggi e siti storici incredibili, colori e mood in generale, si è fatto breccia nel mio cuore minuto dopo minuto del mio viaggio.

Dalla mia fidata guida Lonely Planet:

La bellezza di Porto è indefinibile come le sfumature di sapore di un porto invecchiato, da gustare in tutta calma tra i saliscendi delle vie secondarie di Miragaia, Ribeira e Masserelos. Saranno i quieti momenti di riflessione e le istantanee della vita quotidiana che ricorderete con maggiore nitidezza….

Ed è tutto esattamente così!

Il mio viaggio in Portogallo dunque è iniziato con la scoperta di Porto, scelta che si è rivelata azzeccata perchè trovo che riassuma appieno quel groviglio di emozioni ed immagini che ho sopra descritto!

Noi le abbiamo dedicato 2 giorni e mezzo, li ho trovati essenziali diciamo. Credo che 3 giorni siano il punto di partenza per una visita della città e dei suoi punti di maggiore interesse. Avere invece a disposizione qualche giorno in più vi può essere senza dubbio utile per arricchire la vostra visita, aggiungendo tappe all’itinerario, ma soprattutto per godervela con i giusti tempi. Infatti mai come in Portogallo ho desiderato avere la possibilità di godermi “lentamente” i posti che stavo visitando!

porto-alvaro-siza

Architettura contemporanea

Porto è la città del grande Maestro Alvaro Siza, oltre che di Eduardo Souto De Moura, per cui senza dubbio gli amanti dell’architettura non potranno tralasciare una visita alla Facoltà di Architettura e al Museo di Serralves. Per quanto riguarda il Museo di Serralves si può scegliere tra vari tipi di biglietti. Io consiglio di scegliere quello per il giardino e la villa, in quanto le parti interne del museo più interessanti (come la biblioteca, la caffetteria ed il ristorante) sono liberamente accessibili.

porto-museo-serralves

Prima di raggiungere la Fondazione Serralves, fate qualche passo oltre la fermata Serralves del bus per raggiungere la sede Vodafone di Porto progettata dagli architetti Barbosa & Guimaraes. Un edificio dinamico, un corpo irregolare e in movimento, ispirato al vecchio motto aziendale “Vodafone la vita, la vita in movimento”.

museo-serralves

Se vi fermate qualche giorno in più in città vi consiglio di fare una gita a Matosinhos, dove è nato il Maestro Siza e vedere/visitare le sue due pietre miliari: la Casa del Tè Boa Nova e le Piscinas das Marés, ovvero le piscine delle maree. Entrambe sono un esempio di relazione ideale tra architettura e contesto, tanto che sono state classificate monumento nazionale. La prima, nascosta fra le rocce, Siza l’ha studiata per catturare l’orizzonte attraverso grandi aperture vetrate. L’ha progettata a venticinque anni e l’ha riprogettata quando ne aveva ottantuno per salvarla dall’abbandono e farne un ristorante. Le piscine d’acqua salata invece andrebbero viste d’estate, quando si può fare il bagno, per una vera immersione nell’architettura. Sempre a Matosinhos si trova il terminal Leixoes, progettato da Luis Pedro Silva, che offre un colpo d’occhio niente male.

Tornando verso la città è d’obbligo una visita a La Casa da Música progettata da OMA, lo studio dell’olandese Koolhaas. Questo avveniristico edificio è stato commissionato in occasione della candidatura della città di Porto come Capitale Europea della Cultura. Un punto di rottura apparentemente con la sobrietà stilistica di Siza, ma in realtà molto ben integrato con la storia e la cultura della città. Si visita attraverso visita guidata, inoltre ad ora di pranzo e al tramonto la super instagrammabile terrazza dell’ultimo piano è liberamente accessibile.

porto-casa-da-musica

Alla scoperta delle azulejos

Gli edifici dell’intera città sono rivestiti di affascinanti piastrelle colorate, per cui il consiglio che vi do è di passeggiare con lo sguardo non perso tra le righe di una guida ma proteso verso l’alto per gustavi l’imperdibile scenario. Detto questo, le vere azulejos sono quelle dipinte a mano nei toni del bianco e blu, le trovate in alcuni storici edifici di impareggiabile bellezza:

porto-cosa-vedere
  • Igreja do Carmo
  • La stazione dei treni San Bento
  • Capela das Almas (Chapel of Souls)
  • Igreja de Santo Ildefonso
  • La Cattedrale di Porto

Shopping

L’Art district di Porto si distribuisce attorno a Rua de Miguel Bombarda. Tutte, o quasi, le gallerie che contano sono lì. La vicina Rua do Rosário subisce il contagio e si sta riempiendo di negozi e ristoranti carini. Rua Santa Catarina invece è una via elegante e romantica, con boutique curatissime.

EarlyMade | Rua do Rosário, 235

Collocato in una vecchia tipografia, il concept store EarlyMade, che è anche piattaforma creativa e vetrina per il made in Portogallo. Un numero civico prima, al 233, si trova il bed & breakfast Rosa Et Al Townhouse, degli stessi proprietari di EarlyMade. Con coffee shop, ristorante, bazar di prodotti gourmet e corsi di cucina ogni martedì e domenica sera.

porto-cioccolateria

Chocolataria Equador | Rua das Flores, 296

Barrette di cioccolata e cioccolatini di vario tipo in pregiata cioccolata prodotta São Tomé e Príncipe e dal packaging incredibilmente curato.

43 Banco | Rua Das Flores, 43

Un piccolo concept store in cui poter trovare tutti prodotti realizzati da artigiani o aziende portoghesi, alcuni dei quali in collaborazione con designer stranieri.

Vida Portuguesa |Rua de Cândido dos Reis,  36

Vida Portuguesa è una catena, che troverete nelle principali città del Portogallo, in cui comprare “suouvenirs” made in Portugal. Solitamente collocati in edifici storici e dagli interni vintage che ricodano vecchie drogherie, è il posto ideale dove comprare gustose e bellissime scatole di sardine, saponi, plaid in lana, giochi, ceramiche e candele. Offre inoltre una deliziosa selezione di libri portoghesi.

Claus Porto | Rua das Flores, 22

Nuovo negozio su tre piani dell’omonimo marchio di saponi e colonie di lusso nato nel 1887, il sabato si può andare anche per una regolatina alla barba d’antan, con l’asciugamano caldo.

CastelBel | all’inizio di Rua de Ferreira Borges

Nato 20 anni fa in Porto, CastelBel è un brand contentemporaneo che vende prodotti per il corpo e par la cura della casa, in particolare saponi profumati dal packaging davvero carino. Sicuramente più economico di Claus Porto.

porto-negozi-di-design

Fernandes, Mattos & Ca. | Rua das Carmelitas, 108

Collocato in un vecchio e prestigioso ex negozio di tessuti risalente al 1886, vi si possono trovare oggetti di design vintage e contemporaneo, giocattoli tradizionali portoghesi ed oggetti decorativi. E’ uno spazio magico che merita una capatina.

Loja das Conservas | Rua Mouzinho da Silveira, 240

Qui potrete trovare il meglio della produzione di sardine e di pesce inscatolato, più in generale, tipico di queste zone.

Per mangiare o per uno spuntino

Scorrendo la mappa vi ho inserito varie tipologie di locali, non esclusivamente di design, tra cui: il famoso Majestic Cafè dove si dice che la scrittrice JK Rowling si fermasse per bere un caffè e scrivere i sui libri (Harry Potter); il mercado do Bolhao, un affascinante e storico mercato coperto; la Fabrica da Nata, famosa per la produzione dei gustosi dolcetti tipici portoghesi (pastel de nata) | provato; Voltaria è un tapas bar piccolissimo, interni estremamente semplici e non di design, ma che serve pietanze davvero gustose | provato; Adega Sao Nicolau è una trattoria la cui specialità è il polpo, locale non di design ma sicuramente farete un’ottima cena | provato.

Tra quelli invece che, oltre alla buona cucina, propongono interni interessanti vi segnalo:

Mercearia das Flores | Rua das Flores, 110 | Provato

E’ una gastronomia in stile rustico-chic dove gustare petiscos preparati con ingredienti regionali biologici, ma anche gustose sardine in insalata servite su pane di mais scuro e dolce, accompagnati di un calice di vino o di birra.

Cantina 32 | Rua das Flores, 32 | Provato

Locale in piacevole stile industrial-chic, un po’ bohemien, dopo poter gustare tapas, nel dehors esterno ed un menù informale ma delizioso internamente.

Base Porto | Passeio dos Clrerigos | Provato

Bellissimo locale dove poter prendere un aperitivo godendo dell’area verde che circonda il locale e della sua splendida vista.

Combi coffee | Rua Morgado Mateus, 29

Una caffetteria in stile hipster dove fare colazione o fermarsi per una pausa pranzo.

Ristorante Mistu | R. do Comercio do Porto, 161

Epoca Porto | Rua do Rosario, 22

cosa-vedere-a-porto

Dove alloggiare

Nella mappa vi ho indicato diversi alloggi, non li ho provati in prima persona ma ne ho letto buone recensioni ed i loro interni sono davvero curati.

In particolare qui vi segnalo:

Zero Box Lodge | Rua do Ateneu Comercial do Porto, 13

Un hotel non convenzionale in cui le camere, estremamente minimali e di design, sono allestite all’interno di box di legno. La zona in cui si colloca è ottima per raggiungere i vari luoghi interessanti della città.

Casa do Conto | Rua da Boavista, 703

Sorge in un edificio storico devastato da un incendio, ristrutturato ora appare splendido in questo mix tra elementi architettonici classici della città e elementi contemporanei come il cemento grezzo utilizzato per realizzare diverse parti dei nuovi interni.

Rosa et al Townhose | Rua do Rosário, 233

Un alloggio semplice ma di design in cui pezzi di design contemporanei si mischiano ad elementi classici della tradizione locale.

Tipografia do Conto | Rua Alves Cabral, 28

Un boutique hotel evoluzione di Casa do Conto. Dotato di una splendida piscina esterna.

porto-palacio-do-bolsa

Consigli di viaggio

  • Anche qui, come a Lisbona, ci sono 3 vecchi tram che percorrono percorsi interessanti. Il biglietto si fa a bordo. La Linha 1 è forse quella più interessante, parte da Infante e raggiunge il parco Passeio Alegre nel quartiere Foz. Si tratta di un percorso meraviglioso, perché il tram viaggia lungo le rive del fiume Duero e passa sotto il Ponte da Arrábida. La invece Linha 22 parte da Batalha ed effettua un giro completo unidirezionale del centro di Porto. Se è la tua prima visita a Porto, questa è la migliore linea di tram da cui iniziare, perché effettua un giro completo, tornando al punto di partenza, e attraversa alcuni dei settori più interessanti della città.
bere-porto-a-porto
  • Il biglietto dei mezzi è ricaricabile, per cui molto comodo. Unica cosa che vi consiglio quando lo ricaricate è di prestare attenzione alla zona che vorreste raggiungere, ogni zona ha una sigla differente ed un differente prezzo.
  • Fate attenzione agli orari dei ristoranti/bar. Al contrario di quanto ci si potrebbe aspettare la cucina la sera chiude tendenzialmente sulle 21.30-22.00 ed i locali sono spesso affollati per cui vi consiglio di prenotare per tempo.
  • Porto non è conosciuto per le spiagge ma se vi avanza tempo aggiungete al vostro programma di viaggio una gita verso Foz do Douro. Praia do Carneiro è la spiaggia più vicina a Porto. Praia dos Ingleses è la più famosa ed è collocata nella zona Foz do Douro, in cui potrete trovare numerosi caffè, oltre all’altra spiaggia Praia do Molhe. Come detto sopra, per raggiungere questa zona vi consiglio di usare il tram n°1.
  • Porto non è solo azulejos ma è anche street art! Infatti diverse facciate di palazzi fatiscenti sono decorate con opere audaci e appariscenti di artisti di strada. Queste meravigliose opere d’arte le potete trovare percorrendo Rua das Flores, Avenida dos Aliados, Travessa de Cedeofeita, Escadas do Codecal, il parcheggio di Trindade, Rua Miguel Bombarda, Rua Sao Pedro de Miragaia.